Antiche e Nuove Vie di Iniziazione

 12,00

dall’Antica India al Cristo Eterico.

1 disponibili

Descrizione

Premessa

Parlare di vie di Iniziazione è un argomento certamente interessante, ma che spesso si ascolta più per curiosità che per ricerca personale. Infatti esse vengono per lo più viste come un qualcosa che appartengono alle esperienze di “altri”, e questo perché nella vita quotidiana ci sentiamo spesso molto lontani dal mondo spirituale tanto che ci risulta inconcepibile rapportarci ad esso in un modo nuovo e continuativo.

Se sapessimo che dagli anni ’60 del secolo scorso tutta l’umanità ha passato la soglia (in forma incosciente) del mondo spirituale e che ora è chiamata a coscientizzare questo passaggio, allora il nostro interesse per queste vie avrebbe ben altre caratteristiche.

Ogni credo religioso ci dice quanto “dobbiamo” (o non dobbiamo) sapere al riguardo e molto spesso quanto ci viene dato (spesso in forma dogmatica) non ci basta, ma spesso l’abitudine al dogma, alle verità calate dall’alto, alla paura dello stesso termine “esoterismo”, fanno sì che non nascono nemmeno in noi nuove domande o spunti di approfondimento.

Queste domande sono estremamente necessarie per il nostro cammino spirituale perché, come vedremo più avanti, il futuro, quindi la nostra meta, ci viene “incontro” solo se sappiamo porre le domande giuste al mondo dello Spirito.

In questa logica ci diventa strano il pensare che duemila anni fa, quando eravamo pressoché tutti ignoranti ed analfabeti, il cammino iniziatico era quasi sempre una tappa fondamentale della vita di un individuo. Ancora oggi esistono popolazioni che parlano con gli spiriti del luogo dove abitano, che hanno un rapporto diretto con gli esseri della natura, o che raccontano di fatti a dir poco inspiegabili con un disteso sorriso, perché per loro il contatto con il mondo spirituale è pane quotidiano.

Ma in fondo per noi, per chi “ha studiato”, si tratta solo di superstizioni alimentate dall’ignoranza.

Se cercassimo invece di abbandonare per un momento quanto ci è stato insegnato (non tanto come concetti ma piuttosto come schemi mentali) comprenderemmo che quanto trascende la realtà fisica non è poi così inverosimile: a saper guardare, una realtà superiore è dovunque riscontrabile, solo che un piano non fisico obbedisce a leggi non fisiche, leggi che a tutta prima non conosciamo e quindi non comprendiamo.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.260 kg
Dimensioni 29 × 21 × 1 cm
Numero pagine

83