Rombo Grande di Rame per Cucinare

 30,00

L’EPIGENESI IN CUCINA

Alla ricerca di sempre nuove vie per migliorare la qualità della Vita, Eureka si è posta da tempo la domanda se è possibile migliorare, con mezzi non complicati, la qualità del cibo nella fase di cottura.

Per Pentole Grandi dimensione da 22/24 cm di diametro

1 disponibili

Descrizione

Migliore la capacità vitale degli alimenti cucinandoli

TEORIA (un po’ difficile) DELL’EPIGENESI

L’Epigenesi è la teoria secondo la quale, nel corso di un processo di sviluppo (dalla pianta all’embrione umano), i vari organi si formano per creazione successiva partendo dal germe specifico di quell’essere e non ancora differenziato, piuttosto che dallo sviluppo di parti preformate.

Durante tutta la vita dell’essere, questo processo è in continua attività, e questa attività si dispiega quando si pongono in azione un certo numero di cause nuove, che non sono determinate, imposte o legate, ad atti già avvenuti.

L’EPIGENESI IN AGRICOLTURA

Il metodo agricolo omeodinamico da noi praticato, è particolarmente atto a stimolare il processo dell’epigenesi nelle piante. Infatti essa attua ben sei modalità diverse per collegare la vita della pianta con la Vita cosmica, Vita quest’ultima diffusa in tutto il Cosmo ed in perenne fluire verso tutte le forme di esistenza.

L’EPIGENESI IN CUCINA

Alla ricerca di sempre nuove vie per migliorare la qualità della Vita, Eureka si è posta da tempo la domanda se è possibile migliorare, con mezzi non complicati, la qualità del cibo nella fase di cottura.

Il nostro lavoro parte dall’osservazione che durante la cottura il cibo viene sottoposto a processi termici e di movimento ritmico della massa che richiamano nuove forze di Vita. Questa riflessione ci ha portato alla realizzazione di un semplicissimo dispositivo costituito da un tubicino di rame sagomato a forma di rombo, da sistemare dentro la pentola durante la fase di cottura del cibo.

Gli effetti sono stati verificati attraverso il metodo della cristallizzazione sensibile.

Torniamo ora alla scienza dello spirito per comprendere il “funzionamento” di questo semplice dispositivo.

Perché la forma a rombo.

Il rombo e la forma che corrisponde alle forze eteriche che chiamiamo “Vita”; più precisamente le forze che permettono la Vita nella “parte” (come in ogni singola cellula) e nel “tutto” (l’organo e poi l’organismo intero). L’utilizzo di tale dispositivo durante la cottura dei cibi permette loro di entrare in risonanza con la Vita cosmica diffusa, compenetrandosi così di nuove forze di Vita.

Il rombo è realizzato in sezione aurea rispetto al diametro della pentola in modo da “irradiare” il suo messaggio al contenuto della pentola, in questo caso abbiamo scelto una particolare sezione aurea, quella che potremo denominare del “Figlio”, cioè della forza spirituale che tutto compenetra di Amore e lo trasforma.

Perché il rame?

Il rame è il metallo che corrisponde alle forze planetarie di Venere, ossia del pianeta che etericamente “prende, elabora e dona”. In altre parole Venere porta le forze della venerazione, devozione, religiosità, servizio, sacrificio. Al lato pratico ciò significa che tutto ciò con cui viene a contatto lo afferra in sé (lo prende), lo conserva (lo elabora) per poi trasmetterlo (lo dona).

Grazie alla nostra esperienza pluriennale nel campo dell’omeopatia, abbiamo anche impregnato il tubicino di rame con un prodotto omeopatico particolarmente atto a trasmettere le forze della Vita in modo che tutto il processo ne risulti potenziato.

L ‘acqua

Tutti sappiamo che l’acqua è la “base della Vita”: il maggior costituente di ogni organismo vivente (vegetale, animale, uomo) è proprio l’acqua. La bicentenaria prassi omeopatica ed i lavori di Beneviste del decennio scorso, dimostrano che essa prende su di sé le forze, gli impulsi, i messaggi, le informazioni con cui viene in contatto diventandone quindi portatrice di detto messaggio. Tutti sappiamo che l’acqua ferma imputridisce e questo perché in tale condizioni essa lentamente “perde” i messaggi di cui è portatrice. Nel nostro caso sarà durante la fase di cottura che l’acqua porterà lo speciale impulso di Vita che il rombo di rame le trasmette.

Quale è la quantità di acqua ottimale nella cottura?

La cristallizzazione sensibile ci ha indicato che è necessaria una adeguata quantità di acqua durante la cottura affinché le forze vitali del cibo non si disperdano e ciò a maggior ragione vale per il caso in cui poniamo il rombo di rame nella pentola. La quantità di acqua ottimale per la cottura è indicativamente un livello di 2 volte il diametro della pentola. I Cinesi, che tradizionalmente usano pentole strette ed alte per la cottura dei cereali, dimostrano di conoscere questo aspetto qualitativo della cottura. Indicativamente un rapporto di 1 a 1 tra diametro e altezza dell’acqua riduce (rispetto al rapporto ottimale di 1 a 2), la qualità vitale dell’acqua di circa il 40-50%. Se il rapporto scende a 0,5 (altezza dell’acqua metà del diametro della pentola), allora la vitalità scende di circa un altro 40-50% rispetto al rapporto 1 a 1 (e circa del 60% rispetto alla condizione ottimale dell’1 a 2).

Cosa succede durante la bollitura?

Le prove effettuate hanno evidenziato che il rombo di rame, per donare il suo messaggio di Vita all’acqua di cottura, necessita che essa sia in movimento, cioè è necessario che l’acqua bolla. Il rombo di rame, infatti, non irradia il suo messaggio se io si lascia semplicemente immerso nell’acqua fredda (anche se a lungo) ma è necessario il movimento dell’acqua che si verifica durante la bollitura. Una semplice osservazione ci permette di cogliere come durante la fase di bollitura nell’acqua si formi un vortice che può andare dalla periferia della pentola verso il centro nel caso che il fuoco irradi a “corona” sotto la pentola, oppure dal centro alla periferia nel caso che la sorgente di calore sia al centro della pentola. Per inciso precisiamo che il primo caso determinerà una maggiore presenza di forze di Luce, e quindi di aroma, nel cibo, mentre il secondo porterà maggiori forze Ordinative che determineranno un maggior gusto (vedere figura).

   A sx: fiamma periferica: maggior aroma al cibo.

   A dx: fiamma centrale: maggior gusto.

 

 

 

 

È da tener presente che la bollitura in generale, anche quella senza l’utilizzo del rombo di rame, conferisce qualità positive all’acqua e quindi al cibo. Dalla cristallizzazione sensibile osserviamo che il movimento che l’acqua acquisisce durante la bollitura la mette progressivamente in relazione con il macrocosmo con una progressione che potremo definire “ad onde”. Al fine che queste “onde di risonanza” si realizzino, sono necessari dei tempi ben precisi.

Infine la cristallizzazione dell’acqua ci ha permesso di cogliere come prolungando la bollitura dell’acqua oltre i 60-70 minuti assistiamo ad un rapido collassamento della sua struttura energetica, una specie di destrutturazione che si trasmette poi al cibo.

L’uso del rombo di rame

Alla luce di quanto detto, il rombo va posizionato nella pentola ad inizio cottura (vedere figura), e lasciato per un tempo preciso dall’inizio della bollitura dell’acqua. L’azione del rombo, infatti, è quella di dare solamente un impulso all’acqua che bolle durante la cottura: dopo un certo tempo dall’inizio della bollitura il rombo va tolto dalla pentola per non dare un eccesso di messaggio che finisce con l’auto-inibirsi.

Tramite la cristallizzazione sensibile abbiamo scoperto che nell’acqua vi è un ciclo di Vita legato alla cadenza dei 7 e dei suoi multipli. II lasciar agire il rombo per un tempo di 7 minuti dall’inizio della bollitura conferisce una buona qualità di Vita al cibo.

Lasciando invece agire il rombo per 14 minuti dall’inizio della bollitura otteniamo la migliore qualità di Vita nell’acqua e quindi nel cibo.

Ribadiamo che tempi più lunghi di azione del rombo non determinano migliore qualità nel cibo.

Importanza del coperchio

Il cucinare senza coperchio permette una maggior discesa di forze di Vita cosmica. Chiudere la pentola dopo la cottura permette di mantenerle più a lungo nell’alimento. Al lato pratico è opportuno sistemare il rombo già con l’acqua fredda e senza il coperchio. Procedere senza il coperchio per il tempo di risonanza desiderato (7 o 14 minuti), mettere il coperchio fino a fine cottura (al caso lasciare una fessura per l’uscita del vapore).

Conclusione

Ecco quindi che l’utilizzo del rombo di rame ci permette, in modo molto semplice, di portare sulle nostre tavole un cibo di qualità superiore in quanto ha risuonato con le dimensioni macrocosmiche della Vita, delle “informazioni” relative alla Vita, compenetrandosi delle forze che da quelle dimensioni scendono durante la cottura.

Quando cuciniamo, quindi, accompagniamo l’azione del rombo di rame con la nostra coscienza, ma soprattutto non dimentichiamo di fare tutto con Amore, perché l’Amore che poniamo nel cucinare compenetra il cibo che portiamo in tavola e ciò è il dono più grande per i nostri commensali.

NOTA SULLA QUALITÀ DEL CALORE

Vi ricordiamo che cucinare con il gas metano significa trasmettere al cibo (tramite l’acqua) la forza di cui il gas è impregnato e quindi portatore:

le forze di tenebra connaturate alle profondità della Terra da cui esso scaturisce (ciò vale anche per il gas, e quindi per l’acqua della caldaia).

Queste forze di tenebra hanno la capacità di annullare molte forze di Vita del nostro cibo.

L’Istituto Eureka ha studiato dei tubicini a spirale di rame contenenti un prodotto omeopatico specifico portatore di forze di Luce. Esso va sistemato attorno al tubo del gas e determina la compensazione delle forze di tenebra e quindi il mantenimento delle qualità “solari” del nostro cibo.

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 11 × 11 × 0.03 cm
Rombo

Pentole Grandi

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.