Uso giusto e sbagliato della conoscenza esoterica

 6,00

3 conferenze tenute a Dornach da Rudolf Steiner il 18-19-25-novembre 1917.

2 disponibili

Descrizione

Ovunque c ’è spirito, c ’è coscienza. Dobbiamo imparare a conoscere a che tipo di coscienza appartiene una data forma di spiritualità.

Per la 5° Epoca post­atlantica è necessaria una comprensione completamente cosciente del male. Le anime dei morti possono diventare centri di distruzione nella sfera terrestre.

Ricorderete le nostre considerazioni sui vari punti di vista e sulle asserzioni connesse oggi alla psicoanalisi (vedi: .Psicoanalisi alla luce dell’Antroposofia).

Scopo essenziale era di esprimere chiaramente il fatto che l’idea dell’inconscio che oggi domina nella psicoanalisi è infondato. Fino a che quest’idea, un’idea del tutto negativa, persisterà, saremo costretti a dire che la psicoanalisi si avvicina con mezzi di conoscenza inadeguati ad un fenomeno che ha una particolare importanza nel nostro tempo.

E poiché gli psicoanalisti cercano di esplorare la mente e l’anima e, come abbiamo visto, di studiare le loro implicazioni nella vita sociale, dobbiamo dire che il loro modo di affrontare il problema è molto più significativo di qualsiasi cosa che uno studio accademico potrebbe offrire nello stesso campo.

D’altra parte, poiché la psicoanalisi sta cercando – attraverso idee sociali e politiche, di portare la propria influenza profondamente nella vita umana, è necessario considerare molto seriamente i pericoli legati a questo tipo di approccio.

Ora sorge la domanda: che cosa è realmente ciò che questi moderni ricercatori non possono e non vogliono raggiungere?

Essi riconoscono resistenza di un elemento animico al di fuori della coscienza: lo cercano al di fuori della coscienza; ma non possono arrivare al punto di riconoscere lo spirito stesso.

Lo spirito non può mai essere afferrato attraverso l’idea dell’inconscio perché lo spirito inconscio è come un uomo senza testa. Ho già richiamato la vostra attenzione sul fatto che ci sono persone affette da certi shock di isterismo, che quando camminano per le strade vedono solo il corpo delle persone e non la testa.

Si tratta di una ben precisa malattia. Cosi tra i ricercatori dei nostri giorni ve ne sono alcuni che credono di poter discemere l’intero spirito ma, dato che lo suppongono inconscio, vivono nell’illusione che uno spirito inconscio, uno spirito senza coscienza, possa essere trovato da chiunque oltrepassi la soglia, sia che ciò avvenga nel modo giusto come è descritto sulla base della ricerca spirituale-scientifica, sia che avvenga a causa di una malattia anormale che richiama l’attenzione degli psicoanalisti.

Quando si oltrepassa la soglia della coscienza si entra sempre nel regno dello spirito; che si tratti di un regno subcosciente (supercosciente) non fa alcuna differenza.

Si entra sempre in un regno dove lo spirito é in qualche modo conscio, dove esso manifesta un qualche tipo di coscienza.

Dobbiamo trovare le condizioni che caratterizzano un certo tipo di coscienza e dobbiamo anche arrivare a riconoscere, per mezzo della Scienza Spirituale a che tipo di coscienza appartenga una particolare spiritualità.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.130 kg
Dimensioni 29 × 21 × 0.5 cm
Numero pagine

32