Non passa giorno che non siamo letteralmente bombardati da una montagna di notizie e informazioni. La mente umana spesso ne è come sopraffatta e, come disperato atto di “sopravvivenza”, coscientemente o incoscientemente cerca di “staccare la spina” e così, appena può, rinuncia a pensare.

Chiediamoci che conseguenze ha questo atto di difesa.

La mente, di sua natura, ci fa sempre un ottimo scherzetto: la mente “mente”. Sì, essa normalmente non si muove liberamente (libera-mente) nella facoltà animica del pensare, ma utilizza una pseudo libertà per “vagare” tra pensiero e pensiero in un fantasticare che non ci permette di cogliere la realtà profonda delle cose e, soprattutto, di evolvere. Si, evolvere.

È tramite il pensare educato che noi possiamo intraprendere l’unico e vero percorso che ci permette di salire a vero UOMO, Essere evoluto che, come dice il Vangelo, erediterà la Terra.

Ma per farne cosa se la nostra mente non trova riferimenti?

Ecco l’importanza di disciplinare il pensiero e al riguardo le indicazioni dateci da Rudolf Steiner sono oltremodo valide ed attuali.

Osserviamoci e tratteniamoci dalla curiosità, dalla vanagloria, dall’invidia, dal chiacchiericcio fine a sé stesso perché tutte queste azioni letteralmente “disperdono al vento” le nostre forze di pensiero e quindi, invece che pensare, siamo “pensati” da altri, nel senso che ripetiamo, senza possibilità di filtro, ciò che la cultura, la famiglia, i mass media ci offrono in modo così “squisitamente gratuito”.

Solo così il percorso evolutivo può iniziare, ossia quando la mente non mente più.

 

Tratto dalla rivista “Albios”

Pin It on Pinterest

Share This