Un percorso per avvicinarsi alla meta

Da varie parti si sente dire che l’umanità è prossima ad un grande cambiamento, cambiamento culturale, sociale, giuridico, economico. Riteniamo che un tema così impegnativo non possa essere trattato nella nostra Rivista, rivista che si prefigge scopi di divulgazione anche se su tematiche di “frontiera” per la scienza “ufficiale”.

Dato che nel mondo vi sono oramai circa 4-5000 persone che hanno raggiunto il traguardo di nutrirsi di Luce, ci sembra opportuno sviluppare il tema alla luce delle nostre, seppur limitate, conoscenze.

Cosa significa “Nutrirsi di luce”

Molti avranno letto il libro di Jasmuheen “Nutrirsi di luce, come rigenerarsi in 21 giorni, alimentazione pranica e immortalità fisica” (ed. Mediterranee) che tratta il nutrirsi di Luce. A nostro avviso la via indicata ha in sé alcuni aspetti legati ad antiche iniziazioni, aspetti che quindi non ci convincono. Detto questo vediamo di entrare nel merito dell’argomento.

Ma la prima cosa da chiarire è proprio cosa si deve intendere per Corpo di Luce.

Il Corpo di Luce

Dallo studio dei Vangeli sorge una domanda: come mai la Maddalena non aveva riconosciuto il Gesù Risorto? Come mai dopo anni di vicinanza non ne riconosceva più le fattezze? Per cercare di comprendere questo fatto bisogna appoggiarsi all’indagine scientifico-spirituale di R. Steiner.

Egli ci dice che il Corpo di Resurrezione è il cosiddetto “Fantoma”, altro termine per indicare il “Corpo Glorioso” di cui ci parla la Chiesa. Questo corpo è il nostro Corpo Incorruttibile, il corpo che Adonai (il “Signore Dio” della Genesi) ci aveva dato a sua immagine.

Questo corpo era un corpo non materiale, ossia era un corpo “fisico” in quanto soggiacente a quel sistema di forze che noi chiamiamo “piano fisico”, ma non materiale in quanto non compenetrato da materia. Era pertanto una specie di “fantasma” (ben sottolineato “una specie”), composto da un sistema di forze ma non riempito di materia. Per farcene un’immagine pensiamo alle forze strutturanti un cristallo, cristallo al quale abbiamo tolto tutta la materia.

Questo sistema di forze strutturanti continua ad esistere, prova ne sia che ogni cristallo “cresce” per apposizione dall’esterno (ossia dall’immateriale), secondo il sistema di forze citato.

Nel Paradiso Terrestre l’uomo-Adamo, [ricordiamo che la parola Adamo significa sia “tratto dalla terra” (o dall’argilla) che “di diamante”] è poi caduto, causa l’aver soggiaciuto alla tentazione luciferica.

Questo ha comportato un fenomeno che potremo chiamare di “opacizzazione” del corpo fisico (che era non materiale), e così il carbonio sostanziale ma non materiale che costituiva il diamante-Adamo, è diventato lattiginoso, materiale: nasce così una struttura materiale di carbonio, l’uomo organico come lo conosciamo, legato alla chimica del carbonio.

Conseguentemente a questa opacizzazione operata da Lucifero, l’uomo non fu più “trasparente” alle forze divine, ma “opaco”, tenebroso, e creò un mondo dentro di sé: l’ego.

Il passo successivo fu l’entrata in questo corpo delle forze arimaniche in quanto Lucifero “apre” sempre la porta ad Arimane (come dire che un demone chiama l’altro, come il gatto e la volpe).

Questo secondo aspetto della Caduta ebbe come risultato il formarsi dello scheletro osseo e quindi l’entrata delle forze dell’odio, dell’anti-amore, in noi. L’Adamo primordiale sprofondò così nel regno di Arimane, nel regno del principe delle Tenebre, nel centro della Terra e lì fu incatenato.

Il compito sovrumano operato da Gesù è stato aprire la via al Cristo per la liberazione dell’Adamo caduto, che è risorto in unione al Gesù nel suo Corpo Incorruttibile, nel Corpo Glorioso, nel Fantoma. L’Adamo Risorto, nella purezza dell’essere ritornato “immagine” e “somiglianza” di Dio, era tale che nemmeno la Maddalena, la Pia Donna più vicina al Gesù, lo potè riconoscere.

Questo Corpo di Resurrezione Egli lo poteva condensare a suo piacere, dalla massima condensazione che gli permetteva di mangiare sino ad una massima rarefazione, durante la quale poteva attraversare i muri.

Gli eventi attuali

Chi cerca di vivere in assecondanza alla volontà del Padre, chi cerca di migliorare se stesso ponendosi al servizio del mondo spirituale, avrà certamente notato dei cambiamenti in sé e in ciò che lo circonda. Soprattutto dal 2005 gli eventi si susseguono con sempre maggiore rapidità ed incisività.

Possiamo a ragione ritenere che si stia avvicinando sempre più la possibilità di sviluppare ulteriormente il nostro Corpo Incorruttibile, il nostro Corpo di Luce.

Al fine di favorire questo sviluppo diventa importante attuare anche una alimentazione adeguata, una alimentazione che permetta al nostro Corpo di Luce di risuonare sempre più con la sfera Cristica e preparasi a vivere di sola Luce, del “solo” insegnamento, l’Insegnamento dei 40 giorni operato dal Risorto e relativo alla Via come chiarezza di pensiero (Spirito Santo), Verità come capacità di azioni libere e amorevoli (Figlio) e Vita come forza per fare la volontà del Padre per la salvazione del Corpo Incorruttibile che splenderà sul corpo fisico materiale. Da questo periodo è importante praticare una alimentazione di alta qualità (omeodinamica) al fine di favorire l’azione delle Sue forze nel mondo ed in noi.

Indicazioni per una alimentazione consona al Corpo di Luce

Va da sè l’importanza di una alimentazione il più naturale possibile.

“Noli me tangere” del Beato Angelico: il Risorto nel Corpo Incorruttibile incontra la Maddalena al Sepolcro

“Noli me tangere”
del Beato Angelico:
il Risorto nel Corpo Incorruttibile incontra la Maddalena al Sepolcro

La carne ed il vino sono da evitare, in quanto non sostengono le nostre componenti spirituali esaltando la nostra componente astrale. Allo stesso modo è quasi scontato consigliare un’alimentazione ricca di frutta e verdura di stagione, ma oramai persino la qualità di queste è talmente decaduta (metodi di coltivazione chimica, pesticidi, atmosfere protette) da farci consigliare di preferire frutta e verdura biologica, biodinamica ed omeodinamica, preferibilmente coltivata da voi o da qualcuno che conoscete, in modo che possiate verificarne di persona l’operato.

Le uova, così come il latte ed i latticini (formaggi e yogurt), possono essere inserite nella dieta se prodotti “in casa”, dalle proprie galline o dalle proprie vacche, delle quali si curerà scrupolosamente il tipo di alimentazione. Il problema non è l’uovo il latte in sé, ma il tipo di alimentazione (mangimi, integratori, farine) e di cure che l’animale ha ricevuto e che ne alterano il prodotto.

Il latte ed il formaggio di capra invece non danno problemi. Anche gli zuccheri ed i cereali sono inclusi, preferendo lo zucchero di canna da agricoltura biologica ed il farro. Purtroppo la maggior parte del frumento (anche in forma di boulgour) presente in commercio è di pessima qualità da un punto di vista “sottile” (sia per le manipolazioni effettuate sui semi sia per i metodi di coltivazione e di trasformazione); inoltre il kamut, il riso, il miglio, l’orzo (compreso il caffè), la soia (e i suoi derivati) e l’avena (e i suoi derivati) non hanno, a nostro parere, le caratteristiche adeguate a sostenere il Corpo di Luce.

Per inciso potremmo porci la domanda se tutte le recenti intolleranze a frumento e latte, sempre più numerose, sono effettivamente dovute al glutine ed al latte di per se stessi oppure se in realtà si tratta di una difesa del nostro organismo che respinge degli alimenti non più in sintonia con la natura a causa di modificazioni genetiche, selezioni esasperate della razza (nel caso dei bovini da latte), trattamenti e quant’altro abbia fatto allontanare il Principio Individuale di Specie dai suoi “figli”, per la sofferenza causata dall’uomo all’Anima di Gruppo di tali creature.

Spezie ed erbe aromatiche non danno problemi, e neppure (allegria!) la cioccolata, salvo naturalmente non farne un uso sconsiderato.

Il caffè ed il thè con teina dovrebbero essere evitati, mentre è consigliabile fare uso di tisane. Come olio si consiglia l’olio d’oliva di qualità.

Un alimento, o meglio una bevanda che viene molto consigliata è il succo d’uva rosso, che probabilmente conoscerete come un ottimo ricostituente per convalescenti, ma che ha anche la capacità di attivare i processi vitali nel nostro corpo, compreso il processo di autodepurazione.

Deve essere preso in piccole quantità, non come alimento ma quasi come medicina. Allo stesso modo il miele, in grado di portare nel nostro corpo le forze di Luce e di Amore-Calore in cui le api vivono (per approfondimenti vedere la dispensa “Apicoltura ed evoluzione dell’Ape”), deve essere preso a piccole dosi: un cucchiaino al mattino. Se la dose viene aumentata la sua funzione passa, da messaggio “sottile” che attiva il nostro corpo, a vero e proprio alimento, entrando in una logica di “quantità” piuttosto che di “qualità”.

Anche il seitan ed il tofu non rientrano nell’ottica di questo tipo di alimentazione. Aglio, cipolla e cavoli, alimenti particolarmente ricchi di zolfo, sono più adatti a sostenere il polo del metabolismo piuttosto che il polo della coscienza, per cui non sono inseriti in questo tipo di dieta.

Per quanto riguarda le solanacee è bene evitare i pomodori (sia in insalata che come passata) ed i peperoni, mentre sono ammesse le melanzane, se ben coltivate (meglio quindi di produzione propria), e le patate, anche se a piccole dosi (infatti le patate tendono ad ottundere il polo del pensiero).

Infine consigliamo di usare la pasta madre fatta in casa come agente lievitante, in quanto il cremortartaro, il bicarbonato di sodio, il lievito di birra, come abbiamo visto dalle prove di cristallizzazione sensibile in precedenti numeri di ALBIOS, non portano all’alimento un messaggio armonico, bensì caotico (il che vale in ogni caso, non solo per questo specifico esempio di alimentazione).

Queste sono, sommariamente, alcune indicazioni per una alimentazione che possa sostenere il Corpo di Luce. Al di là di prendere in esame ogni singolo alimento a cui si possa pensare, cosa che non abbiamo fatto, si noterà che il consiglio principale è di curare la provenienza degli alimenti o, meglio ancora, produrli da sè.

E’ in questa ottica che nasce il metodo omeodinamico, nell’ottica di ottenere alimenti di altissima qualità che possano non soltanto “riempire la pancia” e soddisfare il palato, ma nell’ottica di nutrire, grazie al loro collegamento con il proprio Principio Individuale di Specie, anche i corpi superiori dell’uomo.

I “NEMICI”

Molte sono le forze che si oppongono allo sviluppo del Corpo di Luce. Ne vogliamo citare solo un paio, quelle più “subdole”:

INTERNET: tutte le reti elettriche creano un sistema che sclerotizza la Terra e quindi la fa invecchiare precocemente togliendole Vita.

La rete di Internet è una ragnatela nella quale vive una specie di “ragno” asurico che susciterà dipendenza, attesa che compaiano le immagini (contraltare dell’attesa dell’apparizione del Cristo nel piano Eterico), paralisi, sclerosi nei processi mentali “succhiandoci” la vita.

Il processo è il seguente: l’elettricità (Luce corrotta) agisce nella Rete (immagine dell’etere del Chimismo ordinatore) il quale agisce a sua volta sul vivente (etere di Vita).

Questo Ragno-madre genererà dei “ragnetti-figli” che troveranno casa nelle nostre teste creando una ragnatela di nessi asurici che si oppongono ai nessi di Verità propri della nuova coscienza portataci da Figlio. La velocità di Internet (tendente alla Luce) ci dà un senso di potenza. A ciò si aggiunge il richiamo al numero della Bestia dato che le 3 “w” corrispondono alla sesta lettera dell’alfabeto ebraico.

Dal momento che una persona prende coscienza di tutto quanto qui anche solo sommariamente esposto è protetta e non alimenta più questi ragni. Se sa questo e utilizza Internet per diletto, allora è ancora in una fase interlocutoria. Possiamo concludere che Internet (questo ragno negativo), agisce contro lo sviluppo del Corpo Incorruttibile.

REALTA’ VIRTUALE: con essa ci si immerge in una falsa vita e quindi si vive in uno stato di menzogna, menzogna che agisce contro lo sviluppo del nuovo etere del Chimismo ordinatore il quale agisce a sua volta sul vivente (etere di Vita). Questo avviene con un normale videogioco. Se si aggiunge l’uso di Internet (chat, città virtuali) si alimenta il ragno e si danneggia il Corpo Incorruttibile.

Scegliendo questo tipo di vita artificiale non si accetta il proprio karma, e quindi il Cristo che ne è il Signore.

Tratto da “Albios”

Pin It on Pinterest

Share This