468

Cent’anni prima…..

Poco più di un secolo prima del Mistero del Golgotha morì da martire in Palestina Gesù di Pandira, lapidato per blasfemia e poi impiccato, in segno di dileggio del corpo, dopo morto. Egli fu il maestro degli Esseni, che dovevano essere preparati per accogliere e riconoscere il Cristo quando Egli si sarebbe incarnato in un essere umano.
Rudolf Steiner ci dice anche che egli aveva tre discepoli, al principale dei quali, Mathai, diede i contenuti che poi fluirono nel Vangelo di Matteo. Questi contenuti si riferiscono ai più profondi misteri dell’Ebraismo, del percorso del popolo ebraico come preparazione dell’avvento del Cristo.
Ci dice anche che egli era ispirato dal Bodhisatva successore del Gotama Buddha, colui che diverrà in futuro il Maitreya Buddha. Ascoltiamo cosa Steiner ci dice di lui:
Se oggi l’Umanità potesse avere la fortuna di vedere incarnato quel Gesù di Pandira, che fu allora ispirato dal Bodhisatva che un giorno sarà il Maitreya Buddha, quel maestro considererebbe certo sua principale missione di richiamare l’attenzione sul Cristo Eterico, che deve apparire, sulle “nuvole” eteriche; e affermerebbe anche che la presenza del Cristo in un corpo fisico ebbe luogo una volta soltanto.
Supponiamo che quel Gesù figlio di Pandira, lapidato in Palestina circa centocinque anni prima della nascita di Cristo, reincarnato nel nostro tempo annunciasse l’imminente ricomparsa del Cristo: egli parlerebbe del Cristo non in forma fisica, ma in una veste eterica, proprio come era apparso a Paolo a Damasco.
Appunto da un annuncio fatto in questi termini si potrebbe riconoscere Gesù di Pandira, se fosse eventualmente reincarnato. (Berna, 10 settembre 1910, o.o. 123)
Cari amici, abbiamo dormito della grossa! Chi è che ha annunciato il Cristo Eterico? Chi è che si è dissociato dalla Società Teosofica pubblicamente per via della falsa affermazione che il Cristo si fosse reincarnato in Oriente, dicendo che Egli non si poteva più reincarnare fisicamente? E’ stato solo Rudolf Steiner! Egli stava parlando di se stesso. Per “avere la fortuna di vedere Gesù di Pandira reincarnato”, bastava semplicemente essere svegli e ascoltare le sue parole, prendendole sul serio.
Chi ha letto le conferenze di Steiner sul Quinto Vangelo, ha potuto apprendere come le comunità degli Esseni, almeno quella di Nazareth che Gesù frequentava, fossero arrivate ad un vicolo cieco. In esse gli uomini si chiudevano in una via di purificazione interiore, non sapendo che in tal modo scacciavano verso gli altri uomini Lucifero e Arimane, che erano costretti ad abbandonare le loro sante dimore per andare a ossessionare gli altri uomini.
Voglio ora lasciar parlare Rudolf Steiner, laddove ci narra dell’incarnazione del Cristo in Gesù di Nazareth. Immergiamoci col cuore fino in fondo in queste sue parole e cerchiamo di parteciparvi in piena coscienza:
Allora si verificò quell’evento che ho spesso descritto come il battesimo di Giovanni nel Giordano: l’essere del Cristo discese nel corpo di Gesù di Nazareth.
Così si svolsero gli eventi. Gesù era ora compenetrato dall’essere del Cristo. Dopo il dialogo con sua madre l’io di Zarathustra si era ritirato e rimaneva quello che Gesù era stato prima dei dodici anni, quello era di nuovo presente, ma accresciuto, divenuto più grande. Così dentro a quel corpo, che ora conteneva in sé solo un’immensa profondità d’anima e un sentimento d’apertura per gli spazi infiniti, si calò il Cristo. Gesù era ora compenetrato dal Cristo. Ma anche la madre aveva ora acquisito un nuovo io che si era inserito in lei: era divenuta una nuova personalità.
Il ricercatore spirituale vede ora che, nell’attimo stesso in cui avvenne il battesimo nel Giordano, anche la madre sentì come terminare la propria trasformazione. Essa aveva allora quarantacinque, quarantasei anni, e si sentì a un tratto come compenetrata dall’anima della madre naturale del bambino Gesù che aveva accolto l’io di Zarathustra a dodici anni e che poi era morta. Come lo spirito del Cristo era disceso in Gesù di Nazareth, così lo spirito di quell’altra madre, che nel frattempo era stata nel mondo spirituale, discese nella matrigna con la quale Gesù aveva condotto quel dialogo. Ella si sentì da allora in poi come la giovane madre che un tempo aveva generato il bambino Gesù secondo Luca.
Cerchiamo di immaginare nel modo giusto l’immensa importanza dell’evento! Cerchiamo di sentirlo, ma anche di sentire che ora viveva sulla terra un essere del tutto speciale: l’entità del Cristo in un corpo umano, un’entità che fino ad allora non aveva mai vissuto in un corpo umano, che finora era stata solo nei mondi spirituali, che non aveva avuto prima alcuna vita terrena, che conosceva i mondi spirituali e non il mondo terreno! Del mondo terreno il Cristo sperimentò anzitutto solo quanto si era come accumulato nei tre corpi: fisico, eterico e astrale di Gesù di Nazareth. In essi si calò, quali erano divenuti sotto l’influsso della vita di trent’anni che ho prima descritta. Così, senza alcun preconcetto, l’entità del Cristo ebbe le sue esperienze sulla Terra.
In un primo tempo l’entità del Cristo si ritirò in solitudine, ce lo mostra anche la cronaca dell’akasha del Quinto Vangelo. Gesù di Nazareth, nel cui corpo era ora l’entità del Cristo, aveva già rinunciato a tutto quanto lo aveva prima collegato con il resto del mondo. L’entità del Cristo era appena giunta sulla Terra, e come prima cosa venne attirata verso le impressioni del corpo rimastegli come memoria e che gli si erano più incisivamente scolpite nel corpo astrale. Era come se l’entità del Cristo si dicesse: questo è il corpo che vide fuggire Arimane e Lucifero, che sentì come gli Esseni spingessero verso gli altri uomini Lucifero e Arimane. Il Cristo si sentì attirato verso Lucifero e Arimane perché si diceva: sono gli esseri spirituali con i quali gli uomini terreni han da combattere. Così l’entità del Cristo, che per la prima volta dimorava in un corpo umano terreno, si sentì spinta a lottare contro Lucifero e Arimane nella solitudine del deserto.
Credo che la scena della tentazione che sto per raccontare sia in massima esatta, ma è difficilissimo leggere tali cose nella cronaca dell’akasha; perciò faccio esplicitamente notare che qualche particolare potrebbe venir di poco modificato da un’ulteriore ricerca occulta. Ma l’essenziale mi è presente ed è quello che devo raccontare. La scena della tentazione è riportata da diversi Vangeli, ed essi la raccontano in diverse prospettive. L’ho già spesso fatto rilevare. Mi sono adoperato di vedere la scena della tentazione come essa fu in realtà e come tale la voglio raccontare.
Il primo incontro nella solitudine dell’entità del Cristo nel corpo di Gesù di Nazareth fu con Lucifero, che domina e agisce quando si avvicina tentando gli uomini che, per difetto di autoconoscenza e di umiltà, sopravvalutano se stessi. Lucifero tenta sempre di accostarsi all’alterigia, all’orgoglio e alla mania di grandezza dell’uomo. Ora Lucifero si presentò al Cristo Gesù e gli disse all’incirca le parole che riferiscono pure gli altri Vangeli: “Guardami! Gli altri regni in cui l’uomo è posto, che furono fondati da altri spiriti, sono vecchi. Io voglio fondare un nuovo regno; io mi sono staccato dall’ordinamento dell’universo; io ti voglio dare tutta la bellezza e la magnificenza degli altri vecchi regni, se tu entri nel mio regno; ma ti devi separare dagli altri dèi e riconoscere me!” E Lucifero descrisse tutta la bellezza e la magnificenza del mondo luciferico, tutto quello che dovrebbe parlare all’anima umana quand’essa possieda anche solo un po’ di orgoglio. Ma l’entità del Cristo veniva appunto dai mondi spirituali, sapeva chi è Lucifero, e quale comportamento deve tenere verso gli dèi l’anima che in Terra non voglia essere sedotta da Lucifero. L’entità del Cristo certo nulla sapeva della seduzione di Lucifero nel mondo da cui essa veniva, ma sapeva come si servono gli dèi, ed era quindi abbastanza forte da respingere Lucifero.
Allora Lucifero mosse un secondo attacco, per il quale fece venire in aiuto Arimane, ed entrambi parlarono al Cristo: Lucifero voleva eccitare il suo orgoglio, Arimane voleva parlare alla sua paura. Perciò avvenne che l’uno gli disse: “Grazie alla mia spiritualità, grazie a ciò che ti posso conferire, se tu mi riconosci non avrai bisogno di quanto ti occorre ora che come Cristo sei entrato in un corpo umano. Il corpo fisico ti sottomette, devi sottostare in esso alla forza di gravità, ti impedisce di superare la forza di gravità, ma io ti innalzerò al di sopra di essa. Se tu riconosci me, io annullerò le conseguenze della caduta e non ti accadrà nulla. Buttati dal pinnacolo del Tempio! Sta ben scritto: Io comanderò agli Angeli che ti preservino dall’urtare col tuo piede in un sasso!”. Arimane, che voleva agire sulla sua paura, disse: “Io ti preserverò dalla paura! Buttati!”.
Entrambi gli facevano violenza, ma poiché entrambi si precipitavano su di lui e nella loro pressione si controbilanciavano, egli poté salvarsi da loro, e trovò la forza che l’uomo deve trovare in Terra per superare Lucifero e Arimane.
Allora disse Arimane: “Lucifero, non posso valermi di te, mi sei d’ostacolo, non hai aumentato le mie forze, le hai anzi diminuite; cercherò di tentarlo da solo. Tu hai impedito che quest’anima cada in nostro potere”. Così Arimane mandò via Lucifero e sferrò l’ultimo attacco, dicendo le parole di cui troviamo l’eco nel Vangelo di Matteo: “Tu che ti vanti di avere forze divine, trasforma il minerale in pane, (o come è riportato nel Vangelo) fa che le pietre divengano pane!” Allora l’entità del Cristo disse ad Arimane: “Gli uomini non vivono di solo pane, ma dello spirito che viene dai mondi superiori”. Ben lo sapeva l’entità del Cristo che era appena discesa da quei mondi. A questo ribatté Arimane: “Puoi anche aver ragione, ma per quanto tu l’abbia, ciò non mi può impedire che io ti fronteggi in un certo modo. Tu sai solo quello che fa lo spirito che discende dalle altezze, ma non fosti mai finora nel mondo umano: quaggiù vi sono anche tutt’altri uomini, che hanno veramente bisogno di trasformare pietre in pane, perché non possono nutrirsi di solo spirito”.
Fu questo il momento in cui Arimane disse al Cristo qualcosa che si poteva ben sapere sulla Terra, che però il Dio che era appena disceso sulla Terra per la prima volta, non poteva ancora sapere; non sapeva che qui sulla Terra è necessario trasformare il minerale, cioè il metallo, in denaro, affinché gli uomini possano avere pane. Disse Arimane che i poveri uomini qui sulla Terra sono costretti a nutrirsi con il denaro. Questo era il punto in cui Arimane aveva ancora potere; e di questo potere, disse Arimane, io mi varrò!
Ecco la reale descrizione della storia della tentazione. Era dunque rimasto un residuo insoluto. I quesiti non erano stati definitivamente risolti; lo erano stati quelli di Lucifero, ma non quelli di Arimane. Per risolverli occorreva dell’altro.
Quando il Cristo non fu più in solitudine, si sentì innalzato al di sopra delle esperienze che aveva vissuto e imparato dal dodicesimo anno in poi; egli sentiva che lo spirito del Cristo era collegato con quanto era vissuto in lui prima dei dodici anni. Non si sentiva in sostanza più legato con quanto era divenuto vecchio e arido nel divenire umano. Persino la lingua che si parlava attorno a lui gli era divenuta indifferente, tanto che all’inizio egli mantenne il silenzio. Si aggirava attorno a Nazareth e anche più lontano. Visitava molti dei luoghi in cui era già stato come Gesù di Nazareth, e allora si verificò qualcosa di assai strano. Prego di tener presente che io narro la storia del Quinto Vangelo e non servirebbe a nulla che qualcuno volesse cercare contraddizioni tra questo Vangelo e gli altri quattro. Io racconto le cose come stanno nel Quinto Vangelo.
Sulle prime il Cristo Gesù mantenne il silenzio, come se non avesse niente in comune con chi aveva attorno, andando da un ostello all’altro, lavorando con la gente e presso la gente. Una profonda impressione aveva lasciato in lui quanto aveva sperimentato a seguito della frase di Arimane sul pane. Incontrava dappertutto le persone che lo avevano conosciuto, presso le quali aveva già lavorato prima. Esse lo riconoscevano, ed egli trovava in mezzo a loro proprio quelli presso i quali Arimane doveva trovare accesso, perché avevano bisogno di trasformare le pietre, ossia il minerale, in pane o, ciò che è lo stesso, convertire il metallo, il denaro, in pane. Egli non aveva bisogno di avere accesso presso coloro che seguivano gli ammaestramenti morali di un Hillel o di altri, ma presso coloro che gli altri Vangeli chiamano i pubblicani e i peccatori, perché erano quelli che erano costretti a fare delle pietre pane. Era quindi questi che il Cristo Gesù frequentava di più.
Ma ora avvenne appunto qualcosa di strano: molte di quelle persone lo conoscevano dal tempo precedente i suoi trent’anni, poiché era stato presso di loro più di una volta come Gesù di Nazareth. Allora essi avevano conosciuto la sua indole mite, amabile e saggia. Infatti la sofferenza, il profondo dolore che egli aveva patito dopo i suoi dodici anni si erano infine trasformati in lui nella magia dell’amore che si effondeva in tutte le sue parole, come se in esse dominasse una forza misteriosa che si riversava sugli astanti. Ovunque egli andava, in ogni casa, in ogni ostello, era stato molto profondamente amato, e quell’amore rimaneva anche quando aveva di nuovo lasciato quelle case e aveva proseguito il suo cammino.
In quelle case si parlava molto di quella cara persona, di Gesù di Nazareth, che aveva frequentato quelle case, quei luoghi. Ora, come per l’influsso di una regola cosmica (racconto qui scene che si ripeterono numerose volte e che la ricerca chiaroveggente mostra assai spesso), avveniva che nelle famiglie presso le quali Gesù di Nazareth aveva lavorato, quando si riunivano dopo il lavoro a parlare dopo il tramonto, era come se egli fosse ancora presente. Allora discorrevano del caro Gesù di Nazareth che era stato presso di loro, parlavano molto del suo amore e della sua mitezza, parlavano delle sensazioni di calore che avevano sentito nelle loro anime, quando quell’uomo aveva soggiornato sotto il loro tetto. Avveniva allora, come conseguenza dell’amore che era fluito in quelle case, che quando avevano parlato a lungo di quell’ospite, l’immagine di Gesù di Nazareth, per una forma di visione collettiva di tutta la famiglia, entrasse nella stanza della riunione. Egli li visitava in spirito, o forse essi creavano in loro la sua figura spirituale.
Si può ora immaginare l’effetto che produsse il suo ritorno, dopo il battesimo nel Giordano, nelle famiglie nelle quali era già apparso nella visione collettiva quando, riconoscendolo nella sua apparenza esteriore, si avvidero che il suo sguardo si era fatto più luminoso. Videro trasfigurato quel volto che li aveva un tempo guardati con tanto amore, l’uomo che avevano visto in spirito sedere tra di loro. Ci possiamo ben immaginare che cosa di straordinario si produsse presso quelle famiglie, presso i pubblicani e i peccatori che per il loro karma erano circondati e tormentati da tutti gli esseri demoniaci di quel tempo, che erano perciò infermi, oppressi ed ossessi; possiamo ben immaginare come tutti costoro abbiamo vissuto quel ritorno!
Ora si manifestava la trasformazione avvenuta in Gesù, si manifestò specialmente a loro chi egli fosse divenuto in conseguenza della discesa del Cristo in lui. Prima avevano sperimentato solo la sua amorevolezza, la sua bontà e la sua dolcezza, tanto che avevano poi avuto la visione di lui; ma ora moveva da lui una specie di forza magica! Mentre prima si erano sentiti solo consolati dalla sua presenza, si sentivano ora guariti da lui. E andavano dai loro vicini, che fossero del pari oppressi e tormentati da potenze demoniache, e li portavano a lui. Accadde così che il Cristo Gesù, dopo aver vinto Lucifero e aver ritenuto di Arimane solo un aculeo, presso gli uomini che si trovavano in potere di Arimane poté compiere le opere che sono sempre descritte nella Bibbia come la cacciata dei demoni e la guarigione degli infermi.
Molti dei demoni che egli aveva scorto quando egli giaceva come morto sull’altare dei sacrifici pagani, fuggivano ora dalla gente quando da Cristo Gesù si presentava loro. Così come Lucifero e Arimane avevano visto in lui il loro avversario, tale lo consideravano anche i demoni. Nell’attraversare il paese, dal comportamento dei demoni nelle anime della gente egli doveva spesso pensare alle esperienze sue di quella volta, quando giaceva presso il vecchio altare sacrificale dove incombevano i demoni al posto degli dèi e dove egli non aveva potuto celebrare il culto.
Doveva pensare al Bath-Kol che gli aveva annunciato l’antica preghiera dei misteri di cui ho parlato. In particolare continuava a tornargli in mente il verso centrale di quella preghiera: “Vissuta nel pane quotidiano”. Adesso vedeva che gli uomini, presso i quali era capitato, erano costretti a far di pietre pane. Egli vedeva che tra coloro presso i quali era vissuto, ve n’erano molti che dovevano vivere di solo pane. La frase di quell’antichissima preghiera pagana: “Vissuta nel pane quotidiano”, s’immergeva profondamente nella sua anima. Egli sentiva tutta l’incorporazione dell’uomo nel mondo fisico; sentiva che nell’evoluzione dell’umanità, a causa di quella necessità, si era giunti al punto che, a seguito dell’incorporazione nel fisico, gli uomini poterono obliare i nomi dei Padri nei Cieli, i nomi degli spiriti delle gerarchie superiori. Sentiva che ora non vi erano più uomini che potessero udire le voci degli antichi profeti e il messaggio della saggezza di Zarathustra. Egli sapeva ora che la vita nel pane quotidiano aveva separato gli uomini dai Cieli, e che proprio tale vita deve spingere gli uomini nell’egoismo e portarli ad Arimane.
Mentre, assorto in tali pensieri, peregrinava per il paese, avvenne che coloro che avevano sentito più profondamente la trasformazione che si era operata in Gesù di Nazareth, diventassero suoi discepoli e lo seguissero. Da diversi luoghi egli prese con sé alcuni che lo seguivano perché avevano avuto di più la sensazione che ho descritta. Così avvenne che ben presto si formasse una schiera di tali discepoli.
In questi aveva con sé uomini che si trovavano in uno stato d’animo fondamentalmente del tutto nuovo, che grazie a lui erano diventati diversi da quelli dei quali aveva dovuto riferire a sua madre che non sarebbero più stati capaci di ascoltare le antiche tradizioni.
Ora si illuminò in lui l’esperienza terrena di Dio: “Devo dire agli uomini non come gli dèi spianarono la via di discesa dallo spirito verso la Terra, ma come gli uomini possono ritrovare la via di ascesa dalla Terra allo spirito”. (Rudolf Steiner, Oslo 6 ottobre 1913, o.o. 148)
Cent’anni prima del ritorno del Cristo in veste Eterica, è tornato ad annunciarlo Gesù di Pandira nella sua incarnazione come Rudolf Steiner. Egli ha indicato all’Umanità come si deve risolvere il problema del pane, come si può liberare l’essere umano dal potere di Arimane che costringe l’essere umano a lavorare per il denaro, a fare delle pietre pane. Cent’anni fa egli non è stato riconosciuto, è stato lapidato dalla cultura del suo tempo come blasfemo rispetto al dogma della Scienza.
E le comunità nate dalla sua opera si sono richiuse come gli Esseni in un’ascesi interiore in cui ci si eleva al prezzo dell’aumento dei dolori dell’Umanità. Oppure si sono dedicate ad un’opera esteriore piena di buona intenzione, ma che, senza comprendere col pensiero chiaro che si deve trasformare il denaro in strumento di fraternità, hanno creduto che si possa usare bene l’attuale denaro, che esso diventi buono con la nostra buona intenzione. Ma il più delle volte l’aiuto ai bisognosi diventa il sostegno dell’amor proprio, ci si fa tutori degli uomini e si rifiuta la loro liberazione grazie ad un reddito incondizionato, con la scusa della supposta incoscienza degli uomini stessi.
Da quelle comunità sono però usciti alcuni singoli che si sono preparati a riconoscere come l’uomo può essere liberato e trovare finalmente col Cristo Eterico, con lo Spirito della Terra, un cosciente rapporto grazie ad una nuova Legge Sociale che configura il denaro come lo strumento di fraternità fondato sulla piena fiducia nell’Uomo Libero.
(continua)
Nel dipinto: l’Evangelista Matteo scrive ispirato dal Bodhisatva futuro Maitreya Buddha, Gesù di Pandira, Rudolf Steiner. Dipinto del Caravaggio nella Chiesa di San Luigi dei Francesi a Roma

Stefano Freddo                                                                                                                                     16 Marzo 2020

Share This